domenica 25 giugno 2017

Veneto una nuova “terra dei fuochi”

La contaminazione di sostanze perfluoroalchiliche (PFAS), interessa un’area di oltre 200 kmq, tocca quattro province: Vicenza, Verona, Padova e Rovigo, e coinvolge circa 800.000 abitanti.


tratto da: http://www.globalproject.info/it/produzioni/giu-le-mani-dalle-nostre-terre-e-dai-beni-comuni-a-sherwood-2017/20899

Comunicato stampa del Coordinamento Acqua libera dai pfas dopo il verbale del Noe sui documenti trovati alla Miteni l'8 marzo 2017 - Cologna Veneta , 20 giugno 2017

6 commenti:

  1. Grrrrrrr. E come se ne esce?

    RispondiElimina
  2. Brava, giusto continuare a tenere accesi i riflettori, su di una storiaccia poco conosciuta, che ci tocca da vicino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Faber ci aveva avvisati:
      "per quanto ... siete lo stesso coinvolti..."

      Elimina
  3. assurdo assurdo e assurdo... questi continuano ad avvelenare la gente

    RispondiElimina
  4. Siamo accerchiati. Manco chi inquina non bevesse, non respirasse, non mangiasse e non lo facessero i loro figli.

    RispondiElimina